chiudi i tuoi occhi, cara

44_Robert-Frank_Elevator-Miami-Beach_1955.1
Robert-Frank Elevator-Miami-Beach 1955 

Pär Lagerkvist trad. Giacomo Oregli

Chiudi i tuoi occhi, cara,
che il mondo non vi si specchi,
le cose ci sono troppo vicine,
quelle cose che non siamo noi.

Continua a leggere “chiudi i tuoi occhi, cara”

pace

Matera, Basilicata, Italy. 1948 © David Seymour Magnum Photos
Matera, Basilicata, Italy. 1948 © David Seymour Magnum Photos

Antonio Pitaro da Oltre il porto delle nebbie Edizioni Ensemble 2016

Stasera il vento matto
s’è accasciato
come una biscia sgonfia
nel canneto. Continua a leggere “pace”

el silencio

henri cartier-bresson MagnumPhotos Brie 1968
Brie, France, 1968 © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos

Federico Garcia Lorca

Oye, hijo mio, el silencio. 
Es un silencio ondulado,
un silencio, Continua a leggere “el silencio”

da Di questo

bruce-gilden-magnum-agency-
Bruce Gilden New York 2005 – Magnum Photos

Vladímir Majakóvskij trad. Serena Vitale

Vedo,
   vedo chiaramente, nei dettagli.
Aria su aria,
   come pietra su pietra,
impenetrabile a putrefazione
e frazioni, luminoso,
   da secoli si leva
il laboratorio delle resurrezioni umane.
Continua a leggere “da Di questo”

Archipelagoes

4.Barca_in_costruzione_∏_Ferdinando_Scianna_Magnum_Photos-e1427730026665-1000x600
Ferdinando Scianna – Barca in costruzione – Magnum Photos

Derek Walcott 

At the end of this sentence, rain will begin.
At the rain’s edge, a sail. 

Slowly the sail will lose sight of islands;
into a mist will go the belief in harbours
of an entire race.  Continua a leggere “Archipelagoes”

missing the sea

Robert Doisneau, Paris, 1961
Robert Doisneau – Paris 1961

Derek Walcott 

Something removed roars in the cars of this house,
hangs its drapes windless, stuns mirrors
till reflections lack substrace. 

Continua a leggere “missing the sea”

canto serale

Brassaï Paris 1930-33
Brassai Paris 1930-33

George Trakl trad. Giaime Pintor

La sera, se andiamo per oscure vie,
smorte ci incontrano le nostre ombre.

Ora chi ha sete
beva le bianche acque dello stagno,
dolci i lamenti della nostra infanzia.

Continua a leggere “canto serale”