la prima nascita

Folke Isaksson trad. Enrico Tiozzo

Un bambino nella Svezia del Nord

mise una sera la sua testa azzurra sulla rotaia

e udì correre via le miglia, vagone dopo vagone

Quali esseri abitano in case così mormoranti?

 

Udì le stelle fuggir via attraverso il tramonto

La ruota di bicicletta della volta celeste si mosse di un giro

con raggi scintillanti

 

Le erbe cantarono i loro nomi 

e i fiori chiusero le palpebre sul ragazzo

 

Grida di richiamo si fecero profonde nella valle

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...